RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

Ecobonus 2018 per le finestre: come accedere all’agevolazione
SCARICA DALLA DICHIARAZIONE

Le spese per gli infissi in PVC possono essere scaricate fiscalmente con percentuali di detrazione molto elevate.

Fino al 31 dicembre 2018 (e si prevede analogo trattamento per tutto il 2019) per la sostituzione di finestre comprensive di infissi è prevista una detrazione del 50%.

Il limite massimo detraibile è di 60 mila euro per unità immobiliare ma l’Enea specifica che, se l’intervento è eseguito contestualmente a un intervento di coibentazione, la detrazione massima complessiva rimane 60 mila euro.

L’intervento deve configurarsi come sostituzione o modifica di elementi già esistenti (e non come nuova installazione), deve delimitare un volume riscaldato e deve assicurare un valore di trasmittanza termica (Uw) inferiore o uguale al valore di trasmittanza limite riportato in tabella 2 del DM 26 gennaio 2010.

Sono ammissibili le spese per:
– la fornitura e posa in opera di una nuova finestra comprensiva di infisso o di una porta d’ingresso;
– integrazioni e sostituzioni dei componenti vetrati;
prestazioni professionali, comprensive della redazione dell’APE, ove richiesto.

Oltre alla “Scheda descrittiva dell’intervento”, da trasmettere esclusivamente attraverso l’apposito sito web Enea  entro i 90 giorni successivi alla fine dei lavori, il cliente dovrà conservare l’asseverazione redatta da un tecnico abilitato che attesti il rispetto dei requisiti tecnici. Negli interventi in singole unità immobiliari, l’asseverazione può essere sostituita dalla certificazione del fornitore (o assemblatore o installatore) di detti elementi, che attesti il rispetto dei requisiti.